giovedì 16 luglio 2015

DAEMONOKRAT - PREDATORI DEL VECCHIO DEATH METAL


Fortunatamente il Death Metal al giorno d'oggi non è solo Blast Beat, riff sparati alla velocità della luce e super produzioni che sembrano tutte uguali. 
Nel profondo e melmoso underground del nuovo millennio si agitano ancora band che seguono i dettami di quello che era il vecchio "Metallo della Morte" di fine anni '80, inizio anni '90 non lasciandosi influenzare dai trend o dal pensiero comune. 
I siciliani Daemonokrat (la Sicilia, terra da sempre foriera di progetti interessanti...) sono tra questi e nel 2013 hanno pubblicato un interessantissimo EP dal titolo di "Predators" e sono pronti a tornare in pista, a breve, con una nuova uscita "back in time". 
Ve li presentiamo tramite le parole del cantante e chitarrista Wehrmacht. 

Ho apprezzato molto il vostro EP datato 2013 (Pradators). Mi ha ricordato come veniva composto e suonato il Death Metal nei primi anni '90: più atmosfera, meno violenza fine a se stessa. Più "feeling" mortifero meno Blast Beat e riff alla velocità della luce. Sei d'accordo? 

L'intenzione era proprio quella, ovvero distaccarci da tutto ciò che oggi viene chiamato impropriamente Death Metal. La vera matrice di questo genere ha avuto il suo apice alla fine degli anni ottanta e nei primi novanta. Sono quelle infatti le coordinate a cui ci siamo ispirati per "Predators", consapevoli di non fare assolutamente nulla di nuovo. Non credo nei revival di genere...anzi, credo proprio che siano uno stadio interlocutorio che degenera nella mediocrità. Credo pittosto che la motivazione che mi ha spinto, e che ci ha spinti a fare un'Ep come questo, risieda nei dischi che hanno influenzato i nostri ascolti e quindi il nostro modo di intendere e suonare la musica! 

La vostra band ha vita breve ma sorge da progetti e menti differenti. Mi potresti delineare i fatti che hanno portato alla creazione del progetto Daemonokrat e i vostri intenti? 

Per diversi anni ho avuto un progetto musicale di Death/Black Metal, i Religio Mortis. E' stata un'esperienza esaltante soprattutto dal punto di vista concettuale, lì ho riversato tutte quelle che al tempo erano le mie letture e la visione stessa che avevo del mondo. E' stato un periodo prolifico dal punto di vista compositivo, ma ciò non bastava...sentivo il bisogno di fare altro. inoltre avvertivo la necessità di suonare dal vivo, cosa che con i RM non ho mai potuto fare a causa della mancanza di un batterista in carne ed ossa. Fu allora che presi la decisione di formare un altro gruppo! Feci un paio di chiamate a quelli che da sempre erano i miei amici e fu così che nacquero i Daemonokrat! Necrosplatter era già al mio fianco nell'ultimo periodo dei RM, e appena gliene parlai si esaltò all'istante, Thrashmaniac e Maverik suonavano negli Stesso Sporco Sangue, ma ci vollero 10 minuti di conversazione a cranio e un paio di gruppi di riferimento (Carnivore - Bolt Thrower - Morbid Angel- Demolition Hammer - Massacre) per avere la loro approvazione. Da li in poi è stato tutto un susseguirsi di serate indimenticabili, fino ad arrivare alla registrazione dell'Ep! Mi sembra di capire che siete tutti originari della Sicilia, una terra che ha contribuito molto alla creazione di un certo sound "estremo" non solo nazionale ma anche internazionale.

 

 Com'è la situazione oggi? C'è ancora una scena agguerrita come in passato? 

In passato abbiamo avuto gruppi di portata stratosferica come INCINERATOR, SCHIZO, NUCLEAR SYMPHONY e gruppi minori che hanno lasciato il segno!!! Fare musica in Sicilia, soprattutto MUSICA ESTREMA, è alquanto difficile oggi come allora...Ma devo ammettere che comunque ci stiamo ritrovando a vivere un'era di gran fermento in Sicilia! Ci sono una miriade di realtà genuine nell'HC come nel Thrash o nel Death molto interessanti!!! Prendo alcuni nomi come esempio, ma la lista è lunga...Bunker 66, Haemophagus, The Krushers, Cadaver Mutilator, ....Cazzo!!!! E chi ci ferma più!!!

Mi piacerebbe conoscere i retroscena che hanno portato alla pubblicazione dell'Ep "Predators". Era il classico EP "apripista" per un nuovo album oppure era un'uscita autonoma per tastare l'underground e il gradimento dei fan? 

Come ti dicevo prima il gruppo si è formato all'improvviso....da qui all'avere dei pezzi pronti, il passo è stato breve. No, nessun apripista.....sentivamo solo l'esigenza di registrare quel che stava uscendo fuori, in maniera del tutto naturale!!! Infatti l'Ep è stato registrato in presa diretta in una manciata d'ore o poco più e con due lire. Abbiamo optato per una registrazione grezza, in pieno stile '90 per marcare ancor di più la nostra anima grind e ciò è stato anche possibile grazie all'aiuto di Spad (bass-player dei Sergent Hammster) e di Giorgio Trombino (Vox/Guitar degli Haemophagus) che hanno capito al volo quali erano le nostre esigenze!!!! In post produzione è stato aggiunto qualche effetto, e le doppie voci ad opera di G.Trombino, ma stop! Nulla di artefatto...quel che ascolti è ciò che eravamo in quel momento!!!!

I Daemonokrat sono una band "live"? E soprattutto riescono a suonare dal vivo nella loro terra natia o nello stivale? 

Suonare dal vivo è la cosa che più ci interessa!!! Si, abbiamo fatto delle serate meravigliose in cui ci siamo divertiti e la gente ha apprezzato....ma ad oggi abbiamo suonato solo in Sicilia! Con la nuova formazione ed il disco che stiamo preparando, auspichiamo ad incrementare l'attività live in maniera esponenziale!!! Il bello di un gruppo è proprio questo! Fare serate, divertirsi e conoscere gente nuova!!!

Nei tempi passati sulle 'zine di settore c'erano domande frequenti sulla fede satanica (o anche pagana) o sugli interessi occulti dei musicisti legati al Death Metal o al Black Metal. Sembrava quasi che non potesse esistere uno senza l'altro. Avete interessi in tal senso e soprattutto chi sono i Daemonokrat nella vita grigia di tutti i giorni?

E' giustificabile il fatto che le zine facessero di queste domande...infondo la musica estrema un tempo era una nicchia nella quale l'occulto e i movimenti Neo-pagani erano parte strutturale del genere stesso. Se pensiamo all'ondata Black Metal dei primi novanta e alle personalità che hanno contribuito a modellare il panorama, mi pare pure ovvia la cosa. E poi il metal in genere, nasce e si evolve da un'estetica che è ben radicata nel simbolismo, nei sincretismi e in quella sfera che in genere richiama al culto dei morti e della morte! Non è un caso che gli scritti di un Lovecraft abbiano dato fonte di ispirazioni a generazioni intere di band per l'alto tasso di contenuti occulti insiti nella sua narrativa! A mio avviso le due cose sono imprescindibili...poi ovviamente la musica ed i suoi contenuti sono una cosa individuale a cui ognuno di noi da il giusto merito. E poi c'è la vita di tutti i giorni...coniugare interessi e passioni nella vita reale di certo non ti aiuta a pagare le bollette (almeno questo tipo di passione e in questo paese), quindi alla fine ognuno di noi ha la propria vita, con le proprie competenze e con tutto ciò che ne deriva...insomma gente normale, che studia e lavora, tra sacrifici e gratificazioni!


Ha senso ancora parlare di Underground nel 2015? Oppure come dicono tanti è morto e sepolto alla fine degli anni '90? E sopratutto i Daemonokrat sono fieramente "underground" o cercano un riconoscimento più vasto? 

Nell'immaginario collettivo è chiaro che l'apice di un certo tipo di musica sono stati gli anni novanta e che poi c'è stata un parabola discendente che ha ridotto il Metal ad un bambolotto di plastica da acquistare in un market del cazzo! Però io credo che se oggi si possa ancora parlare di Musica Estrema è grazie al sottobosco musicale e a tutta quella miriade di gruppi che tengono ancora in piedi le varie scene!!! Per quanto riguarda noi, posso solo dirti che i consensi se ce li meritiamo, arriveranno con il tempo...e comunque, ad oggi, la critica nei nostri confronti ci ha dato ottimi riscontri all'interno del panorama Underground! Per adesso va bene così...

La vostra band è alla ricerca di un contratto discografico? Oppure ormai il supporto di una etichetta è sopravvalutato e si possono trovare canali alternativi di promozione soprattutto on line? 

Si, se arriva una proposta interessante da parte di un'etichetta perché no? Intanto noi abbiamo il web e i social per fare propaganda.

Che cosa ne pensi delle evoluzioni attuali del Deaeth Metal? E' un genere che ha ancora uno spirito indomito e underground oppure è ormai banalizzato e sovraesposto su forum, social network etc? 

Ogni giorno vedo copertine che sembrano tutte le stesse, con spruzzi di merda che dovrebbero essere loghi e nomi impronunciabili che fanno riferimento a malattie, zombie e cazzate varie...non voglio neanche applicarmi sui testi perché ne ho letti un paio ed è sempre la solita solfa...diciamo che da un genere estremamente filosofico come il Death/Grind, si è passati ad una vera e propria caduta di stile...ho provato ad ascoltarli, ma non mi dicono nulla...a me sembrano esercizi chitarristici più che canzoni...non hai il tempo di dire: bello sto riff, che già ne sono passati altri quattro o cinque. Guarda....preferisco tranquillamente fare a meno di tutti sti trend del cazzo e spaccarmi i timpani con Shark Attack dei Wehrmacht e Retaliation dei Carnivore. Almeno stai ascoltando gente che ti comunica qualcosa di sensato!!!! ....e penso di parlare a nome di tutto il gruppo!

Una band "old style" come voi può ancora trovare un pubblico che apprezza questo tipo di sonorità? 

Credo proprio di si...ci sono molte band che suonano "old style" e c'è tanta gente che apprezza....non sempre la modernità attecchisce....soprattutto per chi come noi è cresciuto a pane e MUSICA ESTREMA!!!!! Poi ovviamente è una questione di gusti!

Progetti futuri per Daemonokrat? L' album di debutto è previsto a breve? 

Registreremo il full-lenght nei prossimi mesi, penso a fine Novembre. Il resto è una sorpresa!!! Novità in casa Daemonokrat? Nuova line-up! A parte me, Necrosplatter e Thrashmaniac si sono aggiunti alle nostre fila Arconda Piras, ex membro degli Hour of Penance alla batteria e alle tastiere e sinth Aculea Sabbatica. Grazie per questa piacevole chiaccherata Eduardo! A presto e auguri per le tue nuove pubblicazioni! THRASH THE UNTHRASHABLE!!!
A. WEHRMACHT

Potete seguire i Daemonokrat sulla loro pagina ufficiale di Facebook mentre per ascoltare i brani dell'EP "Predators" e per ordinare il loro cd fieramente Death Metal old style vi rimandiamo a Bandcamp. Inoltre potete ascoltare l'intero EP anche al link sotto.

mercoledì 15 luglio 2015

BLACK SABBATH NEON KNIGHTS TESTI COMMENTATI IN EDICOLA!


Ormai è ufficiale!
Il mio saggio pubblicato nel 2012 da Arcana Edizioni, "Black Sabbath, Neon Knights. Testi Commentati" sarà ristampato da Mondadori e sarà distribuito nelle edicole dal 21 Luglio con TV Sorrisi e Canzoni e dal 24 Luglio con Panorama.
A questo link potete anche ordinare una copia nel caso non riuesciate a trovarlo dal vostro edicolante di fiducia.

Questa la Sinossi:
"Un prezioso volume con tutti i brani commentati dei Black Sabbath, dall’album omonimo del 1970 fino a “Reunion” del 1998. Scopri il lato oscuro della band dei quattro proletari di Birmingham attraverso un’analisi dei testi attenta e appassionata e una descrizione puntuale del contesto che ha creato i temi cardine di buona parte dell’Heavy Metal"

Questa è invece l'originale presentazione del libro ad opera di Arcana:
"Scende la notte: tuoni e fulmini squarciano il cielo, coprendo il battito incessante della pioggia. D’improvviso lugubri rintocchi di campane a morto segnano sinistri presagi. Una nera figura si aggira tra le brughiere nebbiose in cerca della sua prossima preda. Ad accompagnare i suoi passi veloci uno dei riff di chitarra più grevi e angoscianti che siano mai stati composti. È la fine dell’utopia di pace e amore portata avanti da una generazione di sognatori e idealisti. 
È l’inizio di un immaginario orrorifico e dark che verrà assimilato e decodificato nel tempo da una legione sterminata di gruppi e artisti. 
I Black Sabbath rappresentano il lato oscuro del rock: quello invischiato con la morte, l’occultismo, il gotico letterario, i miti del fantastico e un nichilismo esasperato. Concettualmente, i temi cardine di buona parte dell’heavy metal. Musicalmente, una dimensione parallela, allucinata e paurosa che a distanza di oltre quarant’anni mantiene intatto il suo fascino proibito. 
Black Sabbath Neon Knights Testi Commentati è un viaggio nella metà oscura dell’uomo e dei suoi ombrosi archetipi, tra guerra, decadenza, apocalisse, avidità, progresso che diventa regresso, abomini della modernità esasperata. 
Un percorso funesto che, attraverso le liriche dei quattro proletari di Birmingham, disegna scenari di vivido orrore. Una zona del crepuscolo dove sarà facile perdersi e difficile tornare".

Cercatelo quindi nelle edicole dalla prossima settimana e come sempre viva i Black Sabbath!

giovedì 2 luglio 2015

THE UNCHAINING - IL CANTORE DELLA NATURA


The Unchaining è una ona man band di Gorizia, capitanata da Franz, un musicista schivo ma davvero ispirato che in soli due anni ha pubblicato ben quattro album (un vero record!) che stanno ottenendo molti riscontri positivi in Italia e all'estero.
Quello che mi è piaciuto maggiormente dei suoi dischi è questo "feeling" anni '90 che ricorda i primi dischi di Summoning, Mortiis, Abigor e Satyricon.
Conquistato dalla sua musica ho scelto The Unchaining come gruppo apripista per la mia nuova rubrica dedicata alle band underground più promettenti o valide di qualsiasi genere e che si chiamerà "Underground still lives".
Buona lettura.

Partiamo da una mia considerazione personale: considero la tua musica, al di là del genere proposto, davvero ispirata e "sentita". Mi piacerebbe conoscere quali elementi filosofici, naturalistici o prettamente personali hanno influenzato il tuo progetto. 

Non espongo troppo delle mie idee nella mia musica. Gli elementi che prendo in considerazione sono sicuramente la natura e le letture. Negli album che sono usciti finora ho preferito limitarmi al ruolo di cantastorie, cercando di stimolare nell'ascoltatore un senso di antico e di comunione con la natura.

Album come "Fornost Erain" o anche l'ultimissimo "Ithilien" riproducono in maniera vincente quel sound anni '90 che in tanti (me compreso) rimpiangono. Non farei fatica a sentire i tuoi dischi anche in versione "demo" su cassetta. La tua intenzione è celebrare in qualche modo l'illustre passato del Black Metal o c'è qualcosa di più? 

Mi viene abbastanza naturale suonare in questo modo. Non ho intenzione di fare un omaggio in particolare a qualche band o periodo musicale. Ritengo peró,come dici anche te,che il black metal di quegli anni avesse qualcosa in piú sopratutto a livello di atmosfera. Lo stesso discorso lo si può fare anche con il metal più in generale. Ascolto molto più vecchio metal e questo sicuramente si riflette nella musica che suono. Ecco perché la musica di The Unchaining risulta cosí "antiquata" ah ah ah!


Vivi a Gorizia, città del Friuli che conosco poco. C'è una scena estrema dalle tue parti? Ne fai parte o sei un outsider?

Secondo me non si puó dire ci sia una scena a Gorizia. A dirla tutta non so nemmeno se ci sia una vera e propria scena in italia! Noto che sempre meno musicisti sono attirati dal metal,cosí come chi la musica la ascolta.

Considero il tuo apice espressivo finora "Fornost Erain", disco che considero di molto superiore alle ultime prove dei pionieri del genere come Summoning o Abigor. Mi piacerebbe conoscere i retroscena di questo disco...

Questo disco lo composi molto velocemente. Ho voluto semplicemente fare un disco epico e molto atmosferico ispirato ad alcuni capitoli del "Signore degli Anelli" (non una gran innovazione ah ah ah!). Lo composi d'impeto e senza lavorarci troppo a dire il vero, ma il risultato mi ha convinto. È probabilmente l'album con il maggior uso di tastiere!

The Unchaining è una one man band molto prolifica che ha già pubblicato quattro album in pochissimo tempo (due anni). Rimarrà un progetto da studio o ci saranno (anche rare) apparizioni live? 

Per adesso non ho intenzione di fare dei concerti. Non credo che il tipo di metal che propongo si adatti molto al palco.

Nei tempi passati sulle 'zine c'erano domande frequenti sulla fede satanica (o anche pagana) o sugli interessi occulti dei musicisti legati al Black Metal. Sembrava quasi che uno non potesse esistere uno senza l'altro. Hai interessi in tal senso e soprattutto chi è Franz nella vita grigia di tutti i giorni? 

 Non ho interessi di questo tipo. Ritengo che la musica abbia un'infinità di campi e intertessi da cui possa venir ispirata. M i imbarazza un pò dovermi descrivere ah ah ah quindi per la seconda parte della domanda mi astengo dal rispondere in modo chiaro. Mantengo il mistero...


The Unchaining viene pubblicato da un'etichetta underground come la Behemoth Productions. Come stanno recependo i tuoi lavori all'estero? Di solito i gruppi italiani (tranne rari casi) difficilmente trovano spazio in testate e siti di settore in lingua inglese... 

Mi trovo molto bene con la label di Giovanni Indorato. Credo che lui faccia un gran lavoro per promuovere la mia musica. Grazie anche alla collaborazione con lui The Unchaining è conosciuto anche all'estero e ha ricevuto recensioni veramente positive anche da siti al di fuori dell'italia, per esempio da Metal Temple. Purtroppo il mercato discografico è fermo e sopratutto l'interesse per questo genere di musica più di nicchia, quindi per quanto una label lavori bene e un album possa esser bello risulta difficile raggiungere un vasto pubblico. In ogni caso noto che l'interesse attorno a The Unchaining sta crescendo e mi fa piacere.

Che cosa ti aspetti dal nuovo album "Ithilien"? Quali sono le tue aspettative? 

Credo che "Ithilien" sia un buon disco e mi farebbe piacere raggiungesse un pubblico più grande.

Che cosa ne pensi delle evoluzioni attuali del Black Metal? E' un genere che ha ancora uno spirito indomito e underground oppure è ormai banalizzato e sovraesposto su forum, social network etc? 

Credo che non solo il black metal ma tutto il metal si sia un pò "arenato". Quello che ho notato è che i social network e la rete in generale hanno distolto l'attenzione delle nuove generazioni dall'arte ma non solo. È tutto troppo veloce: esce un album e lo puoi ascoltare immediatamente, non ti serve nemmeno leggere più la recensione. Una volta se volevo ascoltare un cd me lo andavo a comprare,o lo si prestava tra amici e lo si ascoltava in modo approfondito, anche perchè non ne avevamo tanti. Ora per assurdo la musica di ogni genere e nazione è a portata di mano per tutti. Per certi aspetti è positivo ma non lascia il tempo di approfondire veramente un genere musicale o anche solo un album. In secondo luogo i social networks invece che connettere la gente l'hanno isolata maggiormente e ovviamente l'arte ne risente. Non dico che la rete sia per forza deleteria per la musica,anzi potenzialmente potrebbe essere una buona spinta,deve però cambiare il modo in cui viene usata.

Progetti futuri per i The Unchaining? Un altro album è previsto a breve come da (tua) tradizione? 

Sto già lavorando ad un nuovo album, ma ho avuto dei problemi al pc nel frattempo che stanno rallentando un pò i lavori. Sono già pronte alcune tracce e devo dire che per adesso mi piace. È decisamente più veloce dei predecessori e ha meno tastiere ma la componente atmosferica secondo me è ancora forte. L'altra anticipazione che ti do è che il cantato di questo nuovo album sarà in italiano.La nostra è così una bella lingua,meglio approfittarne! Non voglio comporre dischi troppo simili l'uno all'altro.
Spero che anche questo riesca in modo soddisfacente.

The Unchaining è anche su Bandcamp dove potete ascoltare, scaricare e ordinare tutti i suoi dischi.

giovedì 18 giugno 2015

GREAT LEFTY: LIVE FOREVER. TRIBUTE TO TONY IOMMI GODFATHER OF METAL


Nei primi mesi del 2012 una terribile notizia sconvolge tutta la scena rock mondiale: un brutto linfoma ha colpito uno dei più grandi e seminali chitarristi in assoluto. Parliamo di Tony Iommi.
Milioni di fan dei Black Sabbath in tutto il mondo rimangono travolti da questo triste evento e decidono di stringersi in un sincero a caloroso abbraccio verso il loro idolo con una sconfinata serie di messaggi e di incoraggiamenti sui social network e nei forum.
Da questa vera e propria tragedia prende forma il primo e autentico tributo a Tony Iommi: un atto di solidarietà e di affetto da parte di amici, fan e colleghi che prende il titolo di "Great Lefty: Live Forever. Tribute to Tony Iommi Godfather of Metal". 
In poche parole i brani di questa raccolta vengono donati dai rispettivi autori e gli introiti saranno devoluti al Macmillan Cancer Support UK per contribuire alla causa del chitarrista inglese e alla sua ormai lunga malattia.
L’adesione è quantomeno massiccia e comprende noti artisti provenienti dalle migliori tribute band dei Black Sabbath ma anche una nutrita schiera di musicisti che si considerano in qualche modo "figli di Iommi" ed eredi del suo insegnamento.
Tra i tanti partecipanti sono da segnalare Dario Mollo (Tony Martin, Glenn Hughes) featuring Mark Boals (Malmsteen, Dio Disciples, Dokken), Mario Parga (Graham Bonnett, Tony Martin, Cozy Powell), Giuntini featuring Tony Martin e un giovane e talentuoso Kyle Cousins, cantante e autore, grande fan di Iommi, affetto da autismo dall'età di due anni in compagnia di Vinny Appice (già batterista dei Sabbath), Barry Goudreau (chitarrista dei Boston) e Hugh McDonald (David Bromberg, Alice Cooper, Bon Jovi, Lita Ford).


Composto da ben due cd e da un totale di venti brani questo “Great Lefty” è un’uscita assolutamente imperdibile per ogni amante e collezionista dei Black Sabbath.
Tra le cover più riuscite segnaliamo una splendida e trascinante “Never Say Die” opera del magico duo Mollo/Boals, una sulfurea “Time is mine” tra doom & black metal dei Maniac Rise e una ipnotica “Electric Funeral” degli Ironlung.
Ma troverete anche i celeberrimi Place Of Skulls che in collaborazione con Victor Griffin (ex Pentagram, Cathedral etc.) ci regalano una funerea e malinconica “You Won’t Change Me” mentre il mitico Tony Martin, spalleggiato dal sempre ottimo Giuntini, si cimenta nella sua epocale “Anno Mundi”.
Insomma di carne al fuoco ce n’è tanta e diverse tribute band e artisti (Tony Reed, Phil Jakes e molti altri) vi regaleranno delle ore piacevoli in compagnia sia dei classici intramontabili dei Sabbath sia di perle apparentemente dimenticate.
Un plauso a tutte le persone coinvolte in questo ampio progetto che ancora una volta dimostra come la passione quella vera viene fuori anche e soprattutto nei momenti più difficili ed è in grado di unire persone anche lontane in nome di una delle arti più amate in assoluto: la musica!
E se si parla poi dei Black Sabbath, i padri indiscussi del Metallo e di tantissimi sottogeneri ancora in auge nel nuovo millennio, allora la partecipazione e il riscontro non può che essere unanime.
Siamo sicuri che anche attraverso “Great Lefty” e il tantissimo affetto di fan e colleghi, il mitico Tony troverà una ragione in più per combattere e sconfiggere il suo più acerrimo nemico.
Forza Tony!


TRACKLIST:
DISC 1:
01 DARIO MOLLO FEAT. MARK BOALS - NEVER SAY DIE
02 MANIAC RISE - TIME IS MINE
03 KYLE COUSINS - HEAVEN AND HELL
04 MARIO PARGA - SCARLET PIMPERNEL
05 CHILDREN OF THE GRAVY - SABBATH BLOODY SABBATH
06 IRONLUNG FEAT. WIZARD OF OZZ - ELECTRIC FUNERAL
07 TANZAN MUSIC ACADEMY - NEON KNIGHTS
08 NICK DIDKOVSKY - ORCHID
09 DARKING - LAW MAKER
10 INTO THE VOID – LONER

DISC 2:
01 REKUIEM - PARANOID
02 PLACE OF SKULLS FEAT. VICTOR GRIFFIN - YOU WON’T CHANGE ME
03 BLACK SABBATH DIO TRIBUTE CZ - I
04 PHIL JAKES - BEHIND THE WALL OF SLEEP
05 GIUNTINI FEAT. TONY MARTIN - ANNO MUNDI
06 TONY REED - LIVE FOREVER
07 KILL VAN KULL - NO STRANGER TO LOVE
08 APLANADORA FEAT. SANTIAGO CABAKIAN - HOLE IN THE SKY
09 BLOOD SABBATH - SNOWBLIND
10 PHENOMENA - THE WIZARD

INFO:
www.tonyiommifantastic.com
facebook.com/TonyIommiFanTastic
@IommiFansite
www.tanzanmusic.com

venerdì 12 giugno 2015

POLITICA DEI COOKIES

Cosa sono i cookies?

I cookies sono piccoli file che si scaricano nel computer degli utenti, all'entrare in determinate pagine web. I cookies permettono, tra l'altro, di immagazzinare e recuperare informazione sulle abitudini di navigazione degli utenti e, in base all'informazione che contengono, posso essere usati per riconoscere l'utente. 

I cookies nel Blog "Il Mondo Di Edu"

Il Blog Il Mondo Di Edu non ha cookies propri, ma utilizza cookies di terze parti, come ad esempio Google Analytics, o social network come Facebook, G+, Twitter che trovate sul lato destro del blog.

Il Blog Il Mondo Di Edu non ha alcun controllo sui cookies utilizzati da Google Analytics, per cui per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche sui cookies e sulla privacy di Google; in inglese, c'è una pagina specifica, in cui Google spiega l'uso dei cookies per Analytics. Le pagine sulla politica dei cookies e sulla privacy di Google valgono anche per Google+ e per Youtube.

Il Blog Il Mondo Di Edu utilizza il servizio Flag Conter ma non ha alcun controllo sui cookies utilizzati da tale servizio; per approfondire il tema dei cookie di Flag Conter si consiglia di leggere le pagine "Privacy Policy" e "Terms of service", entrambe in inglese.

Lo stesso dicasi per tutti i siti linkati (intercambio link) e siti consigliati, che potrebbero utilizzare cookie sui quali il presente blog non ha alcun controllo.


Essendo dei rispettivi proprietari, il Blog Il Mondo Di Edu non ha alcun controllo sui cookies di Twitter (le politiche per la privacy di Twitter sono su twitter.com; quelle riguardanti l'uso dei cookies su support.twitter.com) e di Facebook (le sue informazioni sull'uso dei cookies sono su facebook.com) per cui si consiglia di leggere le pagine indicate per conoscere meglio le varie politiche sulla privacy e sull'uso dei cookies.

Anche Blogger, la piattaforma gratuita che ospita il Blog Il Mondo di Edu e su cui questo blog non ha ovviamente alcun controllo, utilizza cookies. Per conoscere la politica di cookies che pratica, rimanda a questo link di Google. E' molto probabile che dopo aver dato l'ok al banner del blog "Il Mondo Di Edu" vi appaia anche il banner di Blogger.

Chi non vuole che i cookies siano installati nel proprio computer può disabilitarli dalle pagine del proprio browser, seguendo le istruzioni che vengono date ai seguenti link:
Disabilitazione dei cookie su Firefox 
Disabilitazione dei cookie su Chrome
Disabilitazione dei cookie su Internet Explorer
Disabilitazione dei cookie su Safari 
Disabilitazione dei cookie su Opera

Grazie al sito di Ernesto Tirinnanzi, www.ideepercomputeredinternet.com per le informazioni e per i codici messi a disposizione gratuitamente.
Eduardo Vitolo, aggiornato al 12/06/2015


venerdì 1 maggio 2015

KOZA NOZTRA – SANTA DELICTA ATTO I (EP, 2015)


Archiviato il campionario degli orrori e delle bestialità dell’animo umano (ma si potrebbe parlare anche dei Delitti e delle Pene di ‘beccariana’ memoria) denominato Cronaca Nera Part I e Part II, i Koza Noztra sono ben lungi dall’aver concluso il loro concept apocalittico ed ecco arrivare Santa Delicta Atto I, un nuovo EP (l’Atto II è previsto nel 2016) che già dall’intro dal sapore quasi “gregoriano” (se non ci fosse una disperazione di fondo come in tutta la loro musica) non lascia spazio alla luce ma solo alle ombre:

Io credo che comandare è meglio che fottere 
Io credo nei cazzi miei Io credo nell’infamia, nel disonore, nella bestemmia 
Io credo nell’assassinio, nel tradimento, nel furto 
Io credo nella falsa testimonianza, nella menzogna, nell’ipocrisia 

Una dichiarazione d’intenti, un manifesto del male, un’elegia della realtà più subdola e reietta che non trova linfa vitale nella fantasia dei protagonisti ma, come un po’ in tutta la loro discografia, in un qualsiasi telegiornale o quotidiano dedicato alla cronaca del nostro “amato paese”.
Rasoiata in faccia ed è subito Heavy Metal sparato a folle velocità con “Belfagor (Santo Subito)”, un totem dell’oscurità che non è letterario né cinematografico ma metafora di vuoto informe, di buio totale, di violenza senza fine.
La "religiosità" del delitto di stato è il tema comune di questo mini album e i Koza Noztra lo presentano attraverso figure raccapriccianti, rituali, ctonie, prese dall’inconscio dell’uomo comune fin dall’alba dei tempi.
Se Belfagor è "santificazione" della metà oscura, “Mammut” tra vecchi Litfiba e robusto Hard Rock è rappresentazione del peso soffocante di una crisi economica e di coscienze che ci sta schiacciando senza alcuno scampo.
C’è bisogno di un Mammut per travolgere regole stantie e crudeli. Ma siamo sicuri che in realtà il Mammut non sia lo stato e la sua “kafkiana” burocrazia che travolge i più deboli e impreparati?


Mentre ci pensiamo arriva Polifemo (ancora in due parti) che non è mito fine a se stesso ma ancora santificazione di un totem dell’orrore.
Se il mondo è fatto di cannibali e schiavi allora sull’altare possiamo anche mettere un vecchio mostro da un occhio solo che ci ciba di carne umana. Più di tanti santi e di martiri è Polifemo l’autentica musa capace di mostrarci la strada in cui questa umanità insaziabile e reietta sta sprofondando.
Musicalmente viene fuori un mid-tempo evocativo, con reminescenze doom, dove aleggia lo spettro dei vecchi Katatonia di “Brave Murder Day”, atto a valorizzare lo stile declamatorio/inquisitorio dei nostri.
Per stemperare tanta oppressione dei corpi e delle menti ci pensa “Ruggine”, uno dei brani più estremi mai composti dai Koza Noztra (splendido il riff iniziale opera del chitarrista fondatore Recupero Crediti) ed è l’ennesimo atto di accusa contro un’umanità che preferisce “arrugginire” in un bar alla ricerca di un miracolo che non arriverà mai (chi ha detto Superenalotto?) piuttosto che ribellarsi al grigiore e correre in fondo al tunnel (ma ci sarà poi la luce alla fine?)
Chiusura dal sapore “Noir” con “Strategia della Tensione” brano classico dei Koza Noztra, in bilico ancora tra la loro personalissima visione del Metal e il desiderio, mai domo, di narrare, senza censure o abbellimenti, quello che NON ci ostiniamo a vedere: menzogne, ruberie, morte, ipocrisia.
Continua senza indugi l’epopea nerissima e malvagia del gruppo meneghino, tra i pochi autentici cantori, senza inutili orpelli e ridicolo filosofeggiare, di quella apocalisse che prima o poi ci porterà tutti verso una fine più che degna.
E chissà che un giorno non diventino loro la voce, marcia e grottesca, di un’intera generazione.

sabato 21 marzo 2015

MAGISTER DIXIT: PRIME RECENSIONI E INTERVISTE


Iniziano ad arrivare le prime recensioni e interviste di "Magister Dixit. La Leggenda Esoterica di Jacula e Antonius Rex" e sono tutte molto lusinghiere.
Prima di tutto mi preme ringraziare particolarmente Nick del blog di Nocturnia per aver segnalato il saggio e come sempre vi invito a seguire il suo blog per chi ama letteratura, film, misteri e quant'altro.
Detto questo ecco le prime segnalazioni:
- Davvero ottima recensione e intervista al sottoscritto sulla web zine Raw & Wild da parte di G.F. Cassatella.
- Altra lusinghiera recensione del collega Stefano Ricetti su True Metal dove il libro viene definito un "Totem" della letteratura musicale.
- Altre ottime recensioni sono state pubblicate su Ver Sacrum e Rock-Metal Essence.
Inoltre consiglio di dare uno sguardo alla Pagina Ufficiale di Tsunami Edizioni su Facebook dove diversi lettori stanno inviando foto e commenti positivi diventando di fatto testimonial del libro.
E non posso che ringraziarli pubblicamente per tutto.
Il mitico e appassionato Mickey, dj radiofonico di Heavy Demons Radio Show mi ha anche dedicato un interessantissima intervista domenica scorsa.
Potete riascoltare il tutto nel podcast in basso e per ora è tutto.



E intanto date anche uno sguardo al Booktrailer del libro creato dalla Musik Research di Antonio Bartoccetti.