sabato 5 maggio 2012

IMPERDIBILI E GIA' IN LETTURA!

Come molti lettori del blog già sanno non sono solo un grande appassionato di musica ma anche un attento e curioso lettore di narrativa di genere. Cerco sempre ti tenermi aggiornato su tutte le uscite più importanti e quando si tratta di autori che stimo, leggere diventa un piacere ancora più grande. Segnalo gli ultimi arrivi librari che arricchiranno queste calde giornate di primavera


Torna il edicola il vulcanico Stefano Di Marino, alias Stephen Gunn con la prima di una serie di raccolte dedicate a suoi primi romanzi del Professionista ormai introvabili.

Di seguito il comunicato sul blog di Segretissimo: 

Tornano, a cadenza quadrimestrale, tutte le avventure del Professionista, a partire dalle origini e con romanzi inediti scritti appositamente per colmare le lacune nella storia di una vera leggenda di Segretissimo. Avventura, azione, spionaggio, esotismo ed erotismo. Chance Renard, il Professionista. Agente di ventura, impegnato in ogni angolo del mondo in missioni impossibili contro nemici sempre più feroci, sempre più letali. Al suo fianco donne troppo belle e troppo pericolose. E una sola regola: nessuna regola.

 LE ORIGINI 

Subito nei guai. Chance Renard lo sapeva che non sarebbe dovuto tornare in Francia, anche se da certi fatti sono trascorsi ormai cinque anni. Un’innocente rimpatriata con un vecchio compagno d’armi è la scintilla che innesca una catena di eventi incontrollabili. Fino alla scoperta di un passato che lui stesso ignorava.

 RAID A KOUROU 

Accusato ingiustamente dell’omicidio di un commilitone, Chance Renard è costretto a disertare dalla Legione Straniera. Dietro il diabolico piano organizzato per incastrarlo c’è la mente criminale del Marsigliese, e ora Chance, per salvarsi, ha una sola opzione. Accettare una missione impossibile nel cuore della foresta amazzonica. Per ulteriori approfondimenti collegatevi direttamente sul blog dell'autore, dove troverete una serie di articoli in appendice all'uscita.


Torna in libreria anche la brava scrittrice Claudia Salvatori con un nuovo romanzo dal titolo "Il Cavaliere d'Islanda", edito sempre da Mondadori.
Sul suo blog personale la Salvatori così lo presenta:

La definizione di genere più vicina è romanzo di peripezie e di formazione. Ma fatto a modo mio, cioé in una sorta di trip onirico. Il cavaliere si porta dietro certamente tutti i miei condizionamenti e limiti di figlia del XX secolo, ma non è un ragazzotto partito da qualche pub di città italiana attuale che viaggia per il Medioevo. E' qualcos'altro. Non ho mai capito gli scrittori quando dicono che un personaggio "vive di vita propria". Con Kveld ho finalmente provato questa sensazione. Andava per la sua strada e faceva quello che voleva, o meglio quello che poteva. Con molta naturalezza, sembrava seguire il destino umano di una persona viva. In quanto ai debiti culturali e immaginari, sono talmente tanti e infiniti che non riuscirei neppure a rintracciarli tutti. Quelli che hanno la mia età ricorderanno la rassegna tv dedicata a Ingmar Bergman e Il settimo sigillo, la scena in cui il cavaliere gioca la sua partita a scacchi con la Morte. Parecchi della mia età mi confermano di aver provato quello che ho provato io: una paura tremenda. Vista da bambini, la Morte di Bergman aveva un impatto terrificante: appariva e sembrava lievitare silenziosamente dallo schermo (televisivo). Era impersonata da un uomo il cui volto glabro, emergendo da un sudario nero, non aveva più nulla di maschile ma non si femminilizzava: la Morte era neutra.

Sinossi 

 Fine del dodicesimo secolo, pieno Medioevo: nella selvaggia Islanda, dove ancora si contrappongono il cristianesimo e il retaggio pagano, Kveld Úlfr è figlio di un prete ma discende, per parte di madre, da Egill Skallagrímsson, figura leggendaria cantata nelle saghe, eroe sanguinario, stregone e poeta. Kveld sente su di sé un’eredità pesante, fonte di lacerazioni interiori, aggravata dal forte conflitto con il padre, lascivo e ipocrita. Quando improvvisamente l’eruzione di un vulcano cancella il suo villaggio e tutti coloro che ama, il ragazzo lascia la sua isola di ghiaccio e di fuoco per raggiungere l’Inghilterra, dove fa amicizia con una bizzarra figura di crociato, cavaliere e trovatore, Godfrey di Dol. E poco dopo, in Francia, durante un torneo il giovane Kveld si distingue per la sua straordinaria abilità con l’ascia — la leggendaria arma di Egill — e viene notato da re Riccardo Cuor di Leone che lo prende sotto la sua protezione, lo addestra e lo nomina cavaliere. Kveld parte per la Quarta crociata con l’idea di compiere una gloriosa missione e al contempo per ritrovare se stesso, ma le atrocità cui è costretto a partecipare tormentano ulteriormente la sua anima, sconvolta dopo il saccheggio di Costantinopoli, dove cristiani muoiono a migliaia per mano di altri cristiani. Re Riccardo muore: ormai senza protettori e ramingo, dopo aver incontrato il frate Domenico di Guzmán, Kveld si unisce alla setta del Regno del Serpente, dominata da una affascinante ed enigmatica aristocratica, Dama Loba, che celebra i suoi riti sensuali in un misterioso castello nei Pirenei. Il destino tuttavia stana Kveld ancora una volta, conducendolo nella città di Albi, dove la spiritualità e la semplicità della fede catara lo illuminano. Quando papa Innocenzo III chiama alle armi contro l’eresia, Kveld viene incaricato di una missione importantissima: raggiungere e condurre al sicuro il mitico papa cataro, la figura misteriosa e potente di cui si parla ma che nessuno ha mai conosciuto. Nell’Occitania sconvolta dalla crociata contro gli albigesi, tra stragi e violenze, basse cupidigie contrapposte ad alti esempi di spiritualità, Kveld riesce a rintracciare il papa cataro, e con lui un segreto sconvolgente e rivoluzionario... Solo la forza sotterranea dell’amore, che mai lo ha abbandonato, potrà ricondurre l’eroe di questo romanzo verso un luogo di pace, nelle mitiche terre scoperte dai Vichinghi all’estremo Nord Ovest.

 Potete leggere il primo capitolo del libro sul sito di Thriller Magazine.

4 commenti:

LadyGhost ha detto...

beh, grazie delle preziose segnalazioni, come sempre! Un abbraccio

EDU ha detto...

Ciao Donata
buona domenica
un abbraccio

angie ha detto...

Bellissime segnalazioni Edu, complimenti.
Angie

EDU ha detto...

Ciao Angie
grazie mille
saluti