mercoledì 13 luglio 2011

LOVECRAFT IN ITALIA!

Riemergo dal caldo infernale della mia Sarno per segnalare un video che mi ha davvero incuriosito e affascinato. Si tratta di un documentario disponibile interamente su You Tube intitolato "H.P. Lovecraft: ipotesi di un viaggio in Italia", pubblicato dalla Studio Universal.
In realtà non è chiaro se le teorie ampiamente spiegate nel documento siano di pura fantasia oppure abbiano qualcosa di vero. Inoltre ho notato che alcune scene sono tratte dal noto mockumentary italiano "Road to L", film diretto nel 2005 da Federico Greco e Roberto leggio, dove, appunto, si narrava di un ipotetico viaggio dell'autore di Providence nel Nord Italia e del suo incontro con le ombrose tradizioni del Delta del Po'.
Insomma si gioca molto tra fiction e realtà.
Ma di sicuro è un documentario assolutamente da vedere.
Infine ringrazio sentitamente Violange per avermi fatto ricordare questo video attraverso un suo ottimo commento.
Di seguito "H.P. Lovecraft: ipotesi di un viaggio in Italia" diviso in tre parti:






7 commenti:

Nick ha detto...

Bellissimo! Lo sai che è quasi introvabile? quanto mi piacerebbe poter avere una copia mia.
Tra parentesi segnalo che la Bonelli ha pubblicato la versione a fumetti di ROAD TO HELL come allegato di un vecchio numero di Martin Mystere.
Ciao Paisà.

angie ha detto...

Sai Edu prima o poi voglio scrivere un articolo su questo incredibile scrittore, lo sai vero che i suoi incubi cosmici, non piacciono a tutti, fanno veramente un po' paura, a chi non è avvezzo ai temi del mistero profondo, ma chi lo comprende almeno un pochino, non può non amarlo....è stato un originalissimo...tanti poi hanno cercato di imitarlo...

Che peccato che abbia raggiunto il massimo successo solo dopo la sua morte, per di più in giovane età.

Ciao Edu ci risentiamo presto.

Violange ha detto...

Grazie Edu e grazie Nick! Mi metto a cercare Road to L in versione fumetto e cerco di recuperare qualche raccolta di 'sti benedetti racconti del Filò per capire quanto l'uomo pesce che pare popolasse i canali e le paludi del Polesine assomigli a Dagon, l'unico essere in Lovecraft appartenente a un pantheon non stellare, quindi legato alle divinità ctonie, e realmente presente in antichi miti (http://it.wikipedia.org/wiki/Dagon)
ciao!

Nick ha detto...

@ Violange.
Se vuoi tramite Edu fatti dare la mia mail e cercherò di darti qualche informazione più dettagliata su Road to Hell versione comics.
Sui racconti del Filò, non so se esiste qualche raccolta (proverò a cercare9 quello che ti posso dire che erano, come raccontato anche nella docufiction delle serate in cui la comunità rurale nel Polesine, principalmente, si riuniva nelle stalle in Inverno. Era un occasione per i ragazzi di corteggiare le future mogli, per gli uomini di bere un bicchierino in compagnia e sopratutto di raccontarsi storie e leggende sempre più spaventose man mano che la note avanzava.

EDU ha detto...

@Nick
Meno male che c'è Yout Tube. ^__^
Ottima segnalazione quella di Road to hell.

@Angie
Se lo scrivi lo leggerò con molto piacere visto che nel mio piccolo sono uno studioso di Lovecraft e l'ho affrontato anche nel mio ultimo libro Horror Rock, in connessione con il rock e non solo...

@Violange
Grazie a te! A presto.

Nick ha detto...

@Edu e Violange.
Naturalmente il fumetto si chiama Road to L, come il film.
Che volete farci ormai ho una certa età. ;)
Sorry. :)

Violange ha detto...

@Nick
la mia mail: violange@gmail.com
a presto!