lunedì 30 maggio 2011

BELVE RISTAMPATO IN EBOOK

Purtroppo anche oggi ho pochissimo tempo da dedicare al blog. In compenso segnalo la ristampa in Ebook per Kipple Officina Libraria (già artefice di una nuova edizione di Palo Mayombe di Danilo Arona) di un romanzo che da lungo tempo volevo leggere e che presto vedrete recensito su queste pagine: “Belve” di Alda Teodorani. Libro originariamente pubblicato in Francia nel 2002 e successivamente ristampato in Italia nel 2003 da Addictions, e che gode finalmente di nuova visibilità e attenzione con alcune pagine inedite.

Sinossi
Pianeta Terra, dopo la grande catastrofe: Cinecittà, un tempo mecca del cinema mondiale, è governata da ex attori e registi che vorrebbero estendere il loro dominio al mondo intero, o a quel poco che ne resta. Ma non sanno che nel vecchio cimitero monumentale qualcuno sta tramando alle loro spalle. In questo ultimo romanzo della più convincente interprete della letteratura horror italiana, il Male è un affresco corale che vede rappresentati al suo interno vampiri, assassini di professione, alieni in cerca di prede, ma anche una intensa storia d'amore, mentre sullo sfondo si combatte una dura battaglia per il potere.

Così scrive Stefano Di Marino nella presentazione alla nuova edizione:
“Erano forse i primi anni ’90 quando lessi Giù nel delirio e trovai in quella narrazione, sofisticata nella forma ma estremamente cruda nei contenuti, qualcosa che mi colpì. Ancora non sapevo identificare bene la ragione di tutto questo, ma scambiando parole e messaggi con Alda arrivai a capirlo. Era la passione per l’immaginario tipicamente italiano che avevano conosciuto al cinema ancor prima che sulle pagine scritte... che c’erano state pure loro, certo, ma avevano avuto nelle nostre menti un impatto minore di quegli splendidi film che si vedevano ancora al cinema. Prodotti italiani, realizzati da grandissimi artigiani che erano maestri del cinema ma nessuno, proprio per le tematiche ‘popolari’ voleva riconoscere. La realtà editoriale e critica italiana sono un territorio durissimo. Classista, politicizzato, dominio quasi di una setta. Per questo Lucio Fulci non è considerato realmente per il suo valore. Per questo, forse, la narrativa intensa ma non buonista di Alda dopo quel promettente passo che fu I giovani cannibali è approdata al cult tra chi di thriller e fantastico gotico s’intende realmente ma non alle edizioni lanciate da grossi editori in centinaia di migliaia di copie”.

Il sito ufficiale di Alda Teodorani a questo link.

Inoltre è mia intenzione intervistare la diretta interessata sul fenomeno degli Ebook in modo da approfondire il discorso che avevo fatto di recente qui e qui

4 commenti:

Nick ha detto...

Uelà. Praticamente una delle migliori scrittrici italiane del genere.
Era da un bel po che non si trovava (almeno io non trovavo)più tanto di suo.
Bella notizia.

EDU ha detto...

Ciao Nick.
Infatti. Non si trovava in giro da parecchio tempo. Finalmente posso leggerlo...^__^ E sono d'accordo con te sulla bravura di Alda.

alda ha detto...

Grazie per le belle parole che mi dedicate! L'ultima uscita nell'ambito della narrativa è del 2008 con I sacramenti del male, distribuito purtroppo solo in edicola. Un altro mio racconto lungo era nel nbooklet del disco L'isola, con le forbici di manitù. Questa edizione di Belve è stata interamente rivista...anche nel finale :) grazie ancora EDU per l'ospitalità!

EDU ha detto...

Ciao Alda!
Grazie a te per essermi venuta a trovare sul blog.
A presto e buon lavoro.